.
Corporate Social Responsability
World of Hairfashion and Beauty Business

PRODUKTER TIL FRISøRER OG SHOW - ENCYCLOPEDIC HåR HJEMMESIDE

news n°
159095
From beautynews
news n°
100314
From gossip
15 Apr 2021
BEAUTY BAZAR 2021

BEAUTY BAZAR è il Meglio
della MODA-CAPELLI Internazionale
e dei PRODOTTI PROFESSIONALI

La NUOVA EDIZIONE in BOOK
uscirà a FINE APRILE 2021

edizione speciale BEAUTY BAZAR

RICHIEDI LA TUA COPIA GRATUITA

Ogni anno BEAUTY BAZAR raccoglie e pubblica le migliori collezioni degli hairstylists internazionali e i migliori prodotti e accessori professionali per parrucchieri ed estetica, l’arredamento per Saloni, indirizzi e contatti dei migliori grossisti della bellezza.

news n°
159103
From beautynews
23 Apr 2021
Si chiamano Grillz e sono i gioielli da denti che stanno spopolando tra le star. Sono capaci di rendere il sorriso più brillante e smagliante che mai ma, se fino a qualche tempo fa erano riservati al mondo dell'hip-hop, ora sono diventati degli accessori pop.
news n°
100349
From gossip
16 Apr 2021
mitù crisalide collection

Tie It! Clip It! Scrunch It!

The Key Accessories to be on Trend for

SS20/21 with Urban Chic.

Dressing up your hair is one of the most on-trend looks this coming Summer season, literally transforming your hair style from blah to beautiful in an instant, according to Amy Gaudie, Salon Owner of the award-winning Urban Chic salon.

“Hair and fashion have always aligned themselves,” says Amy. “There’s always appeared a multi-layer between both, which allows us to blur the borders and push the boundaries. For me, that means bringing out the craft kit to embellish not only an outfit but also the entire style trend.”

With so many hair accessories to choose from, and some making a well overdue comeback - like the iconic scrunchie and did someone say Gossip Girl? - you really can’t go wrong with a little bit of extra hair bling this season, even if you find styling your own hair hard to do.

But just how do you choose the right hair accessory for your hair type and style? Here Amy shares her expert tips on how to embrace your favourite accessory trends, pairing whimsy with sophistication for an overall individual feel.

Plastic Clips

“These are great for daytime looks; something casual to clip the hair away on a side part, or even to add a splash of colour or personality to a simple style.”

Scrunchies

“Taking it back old school! My favourite way to dress up a simple ponytail and a fun option for a messy bun, scrunchies can even be colour co-ordinated to your outfit.”

Hairband/Elastic Band

“Not everyone can wear these - personally they always give me a headache -  however I have found some great solid fabric ones that wrap around the whole head that work really well and suit any hair length!”

Hair Scarf

“The most versatile hair accessory a girl can own! There are SO many tutorials available on YouTube or Pinterest these days, demonstrating how you wrap, twist and even braid a scarf into your hair. This accessory is for the more skilled at-home stylist.”

Blind Clips

“Something a little fancier to bring some sparkle and glam to your style! I love to see this look with numerous clips of different shapes and textures combined. This is definitely a more is more situation!

COLLECTION - ADORNMENT

Within Amy’s latest collection, “Adornment”, you’ll see a fusion of hair and fashion creating an eclectic display of colours, patterns and textures unearthing a unique czar to be adored by others.

“With this in mind and using layering as one of the key elements of our latest collection, I combined texture, colour and the finishing of each models’ hair to tie everything together. A very individual and eclectic style, with the goal of simplicity and personality at the forefront.”

“Purposefully referencing the key elements of accessories for this coming SS20/21, we have created three distinct looks and these are reflected in both the fashion and hair,” says Amy.

Look 1: ECLECTIC

#Key SS20/21 trend focus – Puff sleeves & colour palette 

“This look pushed the style boundaries by combining complementary colour palettes, layered textures and statement accessories. With Saffron Yellow a key colour trend for SS20/21, the statement puffed sleeve dress was the hero piece of this outfit. Creating a balanced contrast between the puffed sleeves and statement ruffle detail, the dress was layered over a small floral print top and under a fun, textured fringed skirt.” States Amy.

Look 2: PRINT CLASH

#Key SS20/21 trend focus – Complementary colour palettes and clashing florals  

Says Amy, “Spring and florals – ground-breaking! This look was a fresh take on the bold print clash floral trend, heavily inspired by Moroccan elements and contrasts. I created a fashion forward focus by layering different angles and garments. Combining both on-trend colour palettes and a variation of floral prints, the garments created a bold yet soft balance to the futuristic and strong upstyle.”

Look 3: PEARLESCENT

#Key SS20/21 trend focus – Pearls and soft neutral colour palette 

“A trend that has carried over a few seasons is pearl detailing and accessories and we were thrilled to embrace and elevate it within our collection,” says Amy.

“With SS20/21 inviting a new neutral, soft grass is going to be seen widely throughout womenswear this season. This look was a soft balance of a neutral colour palette and feminine textures. Contrasting a soft silk button shirt with the simplicity and feminine style of a sequined slip dress allowed the balance from such a statement hairstyle.”

It’s clear that the hair accessory renaissance is here to stay for now, and with so many to choose from it’s up to you – and your hair type - how you’ll make your statement this SS20/21 season!

HAIR: Amy Gaudie
MAKEUP: Annabelle Hogg
PHOTOGRAPHY: Aleisha Edwards
STYLING: Kerrie Carucci
SALON: Urban Chic
MODELS: Arianna Sunshine
Jenna-Alyce, Zasha Lau-White

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159106
From beautynews
23 Apr 2021
Chrissy Teigen ha cambiato look in modo drastico e lo ha rivelato sui social, dove si è mostrata con un'inedita chioma rosa Big-Babol. Così facendo, la modella ha lanciato l'hair trend da seguire durante la Primavera/Estate 2021.
news n°
100288
From gossip
13 Apr 2021

Genanaio 2020 – La bellezza ha bisogno di tempo per essere ammirata, interrogata, studiata, compresa. Ma soprattutto, per rigenerare se stessa in un flusso senza fine.

“Unending” è il trend 2020 di TheClub, attraverso cui si riscoprono scalature, graduazioni, frange e rasature. Tutto rientra in questo flusso di bellezza infinita che, con apparente semplicità e assoluta concretezza, rappresenta un lusso accessibile a tutti.

Quello che il direttore creativo, Toni Pellegrino, vuole comunicare con la collezione è l’importanza del day by day, il palcoscenico reale sul quale si muovono tutte le donne, diventando delle autentiche trendsetter. Unending è un viaggio lungo le strade, gli uffici, i party e le stazioni delle metropolitane delle capitali della moda: a New York, Londra, Milano e Parigi sfilano insieme, sulle passerelle del quotidiano, professioniste, studentesse, casalinghe e impiegate di ogni età.

“Senza sosta, senza fine. Con passione e dedizione. Il nostro impegno a servizio della bellezza non conosce battute d’arresto”- racconta Toni Pellegrino in merito al titolo della collezione – “di sicuro non abbiamo mai contato le ore dedicate al lavoro, ma sappiamo con certezza che l’amore che proviamo per la bellezza è senza fine. Così come senza fine è la bellezza”.

Le donne a cui la collezione si ispira sono donne forti e fragili, determinate e insicure, angeli e muse che incarnano ogni sfumatura della femminilità. Attraverso le stagioni e lo spazio, l’energia e la giovinezza evolvono in una bellezza senza tempo.

I colori sostengono le forme, ora catturando la luce, ora riflettendola. Tonalità calde e fredde sono specchio della Natura. I biondi raccontano tanto di spiagge e mietiture, quanto di scenari glaciali. I castani affondano le radici nella terra e vibrano grazie a sfumature sofisticate. I rossi sono ardenti e ricordano sabbie desertiche e spezie.

The Nude

Movimento e leggerezza per volumi fluttuanti. Accompagna le forme un castano multi-sfaccettato, che ricorda quello delle foglie di tabacco.

The Powerful

Un messaggio estetico forte e chiaro. La forza e la grinta sono dichiarate dalle linee decise e dalla rasatura. Il colore è quello della lava.

The Youth

Ricche di contrasti che danno profondità, lunghezze bionde evocano il fieno e raccontano d’estate.

THE CLUB

HAIR: The Club
CREATIVE DIRECTOR: Toni Pellegrino
TECHNICAL DIRECTORS: Salvo Binetti, Eveline Pellegrino
ARTEAM: Alessio Larghetti, Leo Libardi, Antonello Lotito, Luca Morellato, Roberto Spano, Luigi Vernengo
PRODUCTS: Wella Professionals, System Professional, Sebastian Professional, Nioxin, OPI
PHOTOGRAPHER: Danilo Falà
STYLIST: Eleonora Papetti, Riccardo Rubino
MAKE-UP: Fausto Cavaleri
COPY:Stefania Pilato

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159097
From beautynews
23 Apr 2021
Era il 1997 quando Lady Diana affrontò un viaggio istituzionale in Angola e, libera dagli obblighi dell'etichetta reale, decise di rivoluzione il suo stile. Con indosso delle sneakers di tela, riuscì ad attirare l'attenzione dei media internazionali, sollecitando la stesura di un trattato internazionale contro l'uso delle mine.
news n°
159094
From beautynews
23 Apr 2021

“Se devo essere sincero, mi ancora sembra di sognare”. Così dice Michael Kors dei suoi 40 anni nella moda, che festeggia con il lancio di una super collezione, l'autunno inverno 2021. Con l’ entusiasmo che gli è consueto, aggiunge “Mi emoziona ancora vedere le persone per la strada indossare quello che creo”. Il suo calice trabocca, come si suol dire: Michael Kors è amato in tutto il mondo.

Quello che attira la clientela di Kors, al di là dei capi in cashmere 10 fili e un logo super-riconoscibile, è il sogno, il sogno di una vita da jet-set. La filosofia ‘sun and fun’ è da sempre uno dei capisaldi del brand, che si tratti del bagliore di acque cristalline, lo scintillio della neve immacolata, il lampo di un flash. Celebrities come Zendaya, Viola Davis, e Nicole Kidman accorrono in massa dal designer, non per trasformarsi completamente, come una Cenerentola qualsiasi, ma per i suoi look da red carpet, scintillanti sì, ma senza eccessi.

Kors è l’epitome del newyorchese doc. “Siamo la città in cui si vive alla velocità della luce”, dice. “Penso velocemente, mi muovo velocemente, parlo velocemente. La nostra filosofia di vita si basa sull’idea di una vita dinamica e sul piacere. C’è quindi l’idea del comfort, di cui hai bisogno se vuoi andar veloce, insieme all’idea che gran parte delle persone qui hanno un istinto particolare: vogliono godersi la vita. Quando ordiniamo un’insalata, in realtà tutti sogniamo una mousse al cioccolato”.

Il segreto del successo di Kors, nella vita personale e nella professione, si basa sull’equilibrio fra opposti. Da quando ne ha memoria, sottolinea lo stilista, “c’è una parte di me che è molto pragmatica, ma ho anche un lato un po’ sciocco e indulgente”. Sono elementi contrastanti che si ritrovano anche nelle sue creazioni, al tempo stesso attuali e senza tempo, di lusso ma democratiche. A proposito di questo processo creativo, Kors spiega che quando crea silhouette più teatrali sceglie tonalità neutre, e invece tende verso colori o stampe più “stravaganti” quando lavora con linee più semplici. “Sono user friendly? Sì, lo sono”, afferma.

Nel corso di quattro decenni, il designer ha assistito alla globalizzazione della moda e della comunicazione, e la velocità del cambiamento crescere in modo esponenziale. “Il mondo di sicuro va molto più veloce di quando ho iniziato. Per anni abbiamo parlato (noi del settore, NdR) delle regole che sono cambiate, ma credo parlassimo solo a noi stessi. Dicevamo cose come, ‘Ah, certo, non esistono più le stagioni, e nemmeno i momenti diversi della giornata. Puoi mettere le paillettes per andare in ufficio, le sneakers quando esci la sera, gli stivali d’estate, i sandali in inverno. E credo che per tanto tempo noi del settore avremmo potuto vivere le cose così, ma il pubblico non aveva nemmeno iniziato a pensare in questo modo. E adesso non ci sono più regole. Non ci sono stagioni, non ci sono confini. Il concetto di moda americana in opposizione a quella British o quella giapponese o francese, non credo nulla di tutto questo abbia più importanza, perché siamo tutto connessi alle stesse cose, le informazioni sono alla portata di tutti e impariamo gli uni dagli altri e ci rubiamo le idee. Le cose sono diventate molto più democratiche, e, credo, più interessanti”. Sicuramente più interessanti per quanto riguarda Kors. Abbiamo passato in rassegna i momenti salienti dei suoi straordinari 40 anni nella moda.

Un bozzetto di Michael Kors
Un bozzetto di Michael Kors
Illustration: Courtesy of Michael Kors
Un bozzetto di Michael Kors
Un bozzetto di Michael Kors
Illustration: Courtesy of Michael Kors 1959

Karl Anderson Jr. nasce a Long Island, New York.

Michael Kors con la madre Joan
Michael Kors con la madre Joan
Photo: Courtesy of Michael KorsCirca 1964

Cambia il nome quando la madre si sposa con Bill Kors. “Mia madre mi dice, ‘Hai un cognome nuovo, perché non cambi anche il nome’? Fa il modello per alcune pubblicità di cereali e prodotti per la casa. Vede il suo primo musical, Annie Get Your Gun, con Ethel Merman.

Michael Kors con la madre Joan
Michael Kors con la madre Joan
Photo: Courtesy of Michael Kors
Michael Kors
Michael Kors
Photo: Courtesy of Michael Kors1971

Apre la sua prima boutique, Iron Butterfly. “Ero davvero bravo con i lavori manuali. Avevo messo su il mio negozietto in cantina dove vendevo le cose che facevo. Avevo 12 anni”.

Michael Kors e i suoi tipici occhiali
Michael Kors e i suoi tipici occhiali
Photo: Courtesy of Michael Kors1973

Inizia a passare il tempo nei centri commerciali. “Sono un ragazzino di periferia che si esalta a entrare nei centri commerciali”, ha detto una volta a Vogue. “Mi ricordo, avevo 14 anni e mettevo da parte i soldi per comprare qualcosa: adoravo la carta velina, la busta, tutto quanto”.

Michael Kors pronto a scendere in pista
Michael Kors pronto a scendere in pista
Photo: Courtesy of Michael Kors1975

“All’improvviso è arrivata la musica disco. Avevo 16 anni, c’erano le zeppe, i jeans di Fiorucci. Uscivo tutte le sere”.

Bianca Jagger e Victor Hugo alla festa del suo compleanno allo Studio 54, nel 1977
5277biancaho_20000531_09099.jpg
Bianca Jagger e Victor Hugo alla festa del suo compleanno allo Studio 54, nel 1977
Photo: Robin Platzer / Twin Images / & Online USA
1977

Salta il ballo di fino anno a scuola per scatenarsi tutta la notte allo Studio 54, indossando, come ha detto una volta, “un pezzo di jersey in seta grezza avvolta intorno al corpo, tipo harem pants”. Si iscrive al Fashion Institute of Technology e lavora part time da Lothar’s, boutique di cui avrebbe poi detto: “è come Gap, ma per i Guinness”. È allo Studio 54 la famosa sera in cui Bianca Jagger entra nel locale su un cavallo bianco. Non serve dire che il giorno dopo arriva tardi a lezione. “Ho su un paio di occhiali da sole Porsche, l’insegnante dice: ‘Grazie mille per essersi unito a noi, eh’. Ovviamente, con l’arroganza dei miei diciotto anni, faccio: “Mi scusi tanto, ma ero alla festa di compleanno di Bianca’. E tutti i ragazzini in classe mi hanno guardato, come a dire, “Che gran cafone”.

1978

Lascia la scuola e va a lavorare a tempo pieno da Lothar’s come designer e capo vetrinista. Il FIT “era l’unico posto in cui volevo davvero andare, ma sono durato solo un semestre e mezzo. Sinceramente, scalpitavo per lavorare. E poi volevo uscire la sera”, ha dichiarato in seguito lo stilista. “Facevamo cose semplici, i pantaloni che si allacciano sul davanti che metteva sempre Jackie O., in tutti i colori”, ricorda. “Era la prima volta che vendevamo jeans firmati e camicette in seta. Era la prima volta che le donne ricche indossavano capi casual”.

1981

Lancia il suo brand a maggio. Fa vedere la sua piccola collezione di capi coordinati, realizzati con l’aiuto di un sarto, a Dawn Mello, che a quel tempo era da Bergdorf Goodman. Mello mette i capi, che Kors aveva consegnato personalmente andando sul posto con la Mercedes di sua zia, in vetrina: un colpaccio. “Avevo 22 anni, non mi ero ancora reso conto quanto era importante essere in vetrina da Bergdorf Goodman con la mia primissima collezione. Quando ci ripenso, mi dico, Wow, è l’unico negozio importante che abbiamo solo qui a New York, e in nessun altro posto nel mondo, un modo fantastico di lanciare il mio brand”. Dicembre: Vogue scrive del designer. “A soli 22 anni, Kors crede fermamente che le donne americane vogliano vestiti per tutti i giorni, comodi, ma con un tocco grintoso. E per lui è importante eliminare qualunque dettaglio che fa solo scena”, si osservava nell’articolo. “Voglio fare vestiti che non invecchino mai”, affermava lo stilista.

Susan Hess in un cappotto in jersey di lana, camicia di lino e gonna in crepe di lana di Michael Kors
Susan Hess in un cappotto in jersey di lana, camicia di lino e gonna in crepe di lana di Michael Kors
Photographed by Arthur Elgort, Vogue, August 19821982

Poco dopo esce una recensione sul New York Magazine. “Michael Kors, 22 anni, crede che la moda debba evolvere, non rivoluzionare”, scriveva Anna Wintour. “Vuole continuare a fare e collezioni piccole e intercambiabili, e sottolinea con forza l’idea di un lusso essenziale”.

Michael Kors, 1983
Designer Michael Kors in Manhattan, 1983
Michael Kors, 1983
Photo: Alan Raia / Newsday RM via Getty Images1984

Debutta in passerella con l’ AI1984, alla Tower Gallery di New York, e c’è anche Iman a sfilare. “Michael Kors è un uomo con un punto di vista minimalista, e sa bene come esprimerlo”, riporta WWD. “Ho aspettato, e per quasi quattro anni non ho fatto sfilate. Sinceramente non credevo che nessuno sarebbe mai venuto a una mia sfilata”, ha dichiarato il designer in un’intervista nel 2021. “Mi dicevo, perché dovrebbero venire a vedermi? Sono nuovo, e non sono importante, nessuno mi conosce. Si parla di me, sì, ma non sono un nome noto. E ricordo che alla fine della sfilata, quando sono uscito a salutare, sono rimasto scioccato, non solo era andata bene, ma c’era un vero pubblico entusiasta che era venuto a vedere cosa avevo fatto”.

1987

“Le mie clienti sono donne sicure di sé che si piacciono davvero. Vogliono lasciare il segno sugli abiti, e non viceversa”, dichiara Kors nello “Special Report in Who’s Who in American Style” di Vogue.

Michael Kors collezione autunno 1998
Michael Kors collezione autunno 1998
Photo: © Maria Chandoha Valentino / Courtesy of Michael Kors
Michael Kors collezione autunno 1998
Michael Kors collezione autunno 1998
Photo: © Maria Chandoha Valentino / Courtesy of Michael Kors
Michael Kors collezione autunno 1998
Michael Kors collezione autunno 1998
Photo: © Maria Chandoha Valentino / Courtesy of Michael Kors1988

“Alla fine degli anni 80 la moda ha cominciato davvero a cambiare, abbiamo assistito alla nascita delle supermodelle, con Linda, Cindy, Christy, Naomi. È stato un momento straordinario per la moda americana. Quando sono arrivate loro sulla scena, finalmente abbiamo cominciato a vedere in passerella cose come personalità, diversità e varietà. Illuminavano una stanza con la loro sola presenza”, ha scritto Kors. Per la collezione AI 1998, indossata proprio da quelle modelle, esplora in profondità il concetto di couture. Tutti i look autunno inverno 1988.

1989

Kors inizia a collaborare con God’s Love We Deliver, un impegno che durerà a lungo e che nasce quando lo stilista va a trovare un’amica malata di AIDS al Beth Israel e nota che nessuno va mai a trovare la paziente che divide la stanza con l’amica. “La caposala mi disse che quando la sua famiglia aveva scoperto che aveva contratto l’AIDS aveva troncato ogni rapporto con lei. Quello che mi piace molto di God’s Love è che si tratta di un progetto molto concreto: sedersi, mangiare, sentirsi nutriti, ha detto il designer. “È una cosa facile, ti rimbocchi le maniche e la fai”.

Nadège du Bospertus in a gingham look by Michael Kors, 1990.
Vogue February 01, 1990 Fashion Feature
Nadège du Bospertus in a gingham look by Michael Kors, 1990.
Photographed by Arthur Elgort, Vogue, February 19901990

Va in bancarotta, si riprende, a settembre lancia KORS, la linea Michael Kors a prezzi più accessibili.

Michael Kors autunno 1991
Michael Kors autunno 1991
Photo: © Niall McInerney / Bloomsbury Publishing Plc.
Michael Kors autunno 1991
Michael Kors autunno 1991
Photo: © Niall McInerney / Bloomsbury Publishing Plc.
Michael Kors autunno 1991
Michael Kors autunno 1991
Photo: © Niall McInerney / Bloomsbury Publishing Plc.1991

Durante la sfilata per l’AI 1991, in un loft a Chelsea, un pezzo di soffitto si stacca e cade in testa a Suzy Menkes, che per fortuna non si fa male. L’incidente velocizza la creazione di una New York Fashion Week centralizzata. 

Claudia Schiffer con una tuta di pelle nera e una gonna midi di Michael Kors
Vogue July 01, 1992 Fashion Feature
Claudia Schiffer con una tuta di pelle nera e una gonna midi di Michael Kors
Photographed by Arthur Elgort Vogue, July 19921992

Lancia Michael Kors Men’s con una sfilata alla Grand Central Station.

1993

“Una delle cose che distinguono l’uomo che Iman definisce ‘lo stilista americano per antonomasia’ dagli altri designer della sua generazione è che non ha nulla di triste”, scrive Jonathan Van Meter su Vogue nel 2015. “E confessa che l’ultima volta che ha messo su qualcosa di ‘cupo’ era stato per la collezione AI 1993. ‘La musica era di Astor Piazzolla’, spiega Kors, ‘e le ragazze erano tutte imbronciate, con i capelli raccolti in trecce, gli anfibi. Carla Bruni, la seconda uscita, è tornata dentro e mi fa, ‘Si stanno menando i fotografi!’ Ricordo di aver pensato, forse tutta questa rabbia, questa tristezza, non hanno nulla a che vedere con Michael Kors’ ”.

Shalom Harlow a New York con un cappotto cammello e un abito di velluto stampa leopardo di Michael Kors
Vogue August 01, 1994 Fashion Feature
Shalom Harlow a New York con un cappotto cammello e un abito di velluto stampa leopardo di Michael Kors
Photographed by Arthur Elgort, Vogue, August 19941994

Presenta la collezione autunnale e in seguito dirà che era tutta incentrata sulle “gambe, gambe, gambe e ancora gambe.” 

1996

L’AI 1996 “è forse la sfilata più lussuosa che abbiamo fatto a quel tempo”, dice Kors ripensando al passato. “La prima sfilata in cui ho presentato tutti quei capi cashmere double-face, quei cappotti così straordinariamente lussuosi, i maglioni, tutti in cashmere 10 fili”.

Kirsten Owen in Michael Kors
Vogue August 01, 1997 Fashion
Kirsten Owen in Michael Kors
Photographed by Arthur Elgort, Vogue, August 19971997

Viene nominato direttore creativo della maison Celine a Parigi. “È l’unica maison del lusso francese conosciuta per i capi sportswear”, dirà in seguito al Los Angeles Times. “Sono interessati ai vestiti veri, che siano pratici, comodi, concreti, si spingono oltre i limiti del lusso. È quello che faccio io”.

Celine Dion agli Oscars in Celine by Michael Kors
US-OSCARS-DION
Celine Dion agli Oscars in Celine by Michael Kors
Photo: Timothy A. Clary / AFP / Getty Images1998

Marzo: presenta la sua prima collezione per Celine, è l’autunno inverno 1998. “Ho sempre pensato di essere solo il classico ragazzo di New York. Non avrei mai pensato, ma proprio mai, nemmeno in un milione o in un miliardo di anni, che avrei disegnato e sfilato a Parigi” dice Kors, guardandosi indietro. “La mia prima stagione con Celine, nel 1998, con la sfilata a Parigi, è stata un’esperienza pazzesca. Era come stare in un film, e io amo il cinema, all’improvviso mi sentivo come Kay Thompson in Cenerentola a Parigi”. Sempre a marzo, Celine Dion canta “My Heart Will Go On” agli Oscar e sfoggia un abito Michael Kors per Celine. Luglio: “Passo dal cappello da baseball al basco con grande nonchalance” dice Kors dei suoi impegni fra l’America e l’Europa, e osserva che “Parigi è più morbida, New York più tagliente. Fare queste due collezioni per me è un bene, posso esprimere i due lati della mia personalità”. Agosto: la modella Carolyn Murphy veste Michael Kors per Celine sulla copertina di Vogue.

Rene Russo in L'affare Thomas Crown, 1999.
THOMAS CROWN AFFAIR, Rene Russo, 1999
Rene Russo in L'affare Thomas Crown, 1999.
Photo: ©MGM / Courtesy Everett Collection1999

Marzo: Naomi Campbell indossa una mantella della collezione AI 1999 di Michael Kors che poi Joan Didion sfoggia in uno scatto di Tina Barney. Giugno: riceve il CFDA Womenswear Designer of the Year Award dalle mani di Susan Lucci. Agosto: crea i costumi di scena di Rene Russo per il remake di The Thomas Crown Affair – Gioco a due. Settembre: il tema della PE 2000 è “Palm Bitch”.

Lisa Taylor
Vogue October 01, 1976 Fashion Feature
Lisa Taylor
Photographed by Arthur Elgort, Vogue, October 1976
2000

Maggio: Scrive “Nostalgia”, un articolo per Vogue sulla fotografia di Arthur Elgort del 1976 che ritrae la modella Lisa Taylor al volante. “Credo sia giusto dire che forse non ti lasci mai alle spalle l’epoca in cui sei diventato grande”, scriveva. “Quando è uscita quella foto, era un momento storico improntato alla serietà, contro la moda, contro l’affettazione, un momento in cui ci si vestiva in jeans e maglietta. Ancora oggi i miei capi preferiti sono jeans, maglietta e maglione. Adoro i maglioni, i pullover da uomo. Ma al tempo stesso non voglio rinunciare a quel tipo di piacere, a quell’innocenza, forse, che provavo prima di rendermi conto (ed è stata per me una sorta di disillusione) che lo stile è più di ogni altra cosa l’espressione di chi indossa i vestiti. Questa è la domanda che faccio a una persona da jeans e maglietta come me: come si fa a non perdere quel tipo di piacere? È un dubbio che ho sempre avuto in testa, è come un tiro alla fune, avanti e indietro fra l’impulso di lasciare che chi indossa i vestiti li trasformi e viceversa. Quando la tensione fra questi due impulsi è costante, è lì che la moda funziona davvero”. Settembre: apre un flagship store su Madison Avenue a New York.

2001

Lancia la linea di accessori Michael Kors Collection.

2003

Gennaio: Silas Chou e Lawrence Stroll, attraverso la Sportswear Holdings, investono nel brand Michael Kors. Giugno: riceve il CFDA Menswear Designer of the Year Award.

Project Runway ospita Heidi Klum e Michael Kors
Project Runway - Season 1
Project Runway ospita Heidi Klum e Michael Kors
Photo: Nick Ruedel / Bravo /NBCU Photo Bank / NBCUniversal via Getty Images2004

Marzo: presenta la collezione finale per Celine, con una serie di abiti che, si legge nel programma, hanno “la semplicità sportiva americana di C.Z. Guest e Carolyn Bessette Kennedy mixata con la fresca raffinatezza europea di Leslie Caron, Jean Seberg e Audrey Hepburn”. Dicembre: è uno dei giudici di Project Runway, il reality premiato agli Emmy.

2005

“Ancora una volta, il designer si ispira agli spazi aperti in America”, osserva Nicole Phelps su Vogue nella sua recensione della primavera estate 2006 di Kors.

Michael Kors collezione autunno 2006
Michael Kors collezione autunno 2006
Photo: Marcio Madeira2006

Jay Gatsby e Ali McGraw di Love Story sono la doppia ispirazione per l’autunno inverno 2006.

2008

Riceve la quinta nomination consecutiva al CFDA Womenswear Designer of the Year Award. Febbraio: presenta quella che Vogue definisce una collazione “super raffinata”, ispirata a Mad Men.

Il ritratto ufficiale della First Lady Michelle Obama in Michael Kors
Official portrait of First Lady Michelle Obama (1964-). An American lawyer and writer. Photographed by Joyce N. Boghosian. Dated 2009
Il ritratto ufficiale della First Lady Michelle Obama in Michael Kors
Photo: Joyce N. Boghosian / World History Archive / Alamy Stock Photo2009

Veste la First Lady Michelle Obama per il ritratto ufficiale alla Casa Bianca. “Avevamo creato l’abito per lei, ma non avevo idea per quale occasione l’avrebbe indossato. Non solo mi sono sentito estremamente orgoglioso nel vedere una First Lady così moderna, così libera, una First Lady in un ritratto ufficiale che indossa un abito in jersey nero, senza maniche, non il classico tailleur colorato con una spilla. Ero davvero emozionato di far parte di un momento che, lo sentivo, avrebbe segnato una svolta. Una svolta enorme, non solo per me come designer o come americano, ma per il mondo intero”, avrebbe detto Kors in seguito.

2010

Giugno: è il vincitore più giovane della storia del CFDA Geoffrey Beene Lifetime Achievement Award, consegnatogli da Anna Wintour. “Faccio parte del consiglio di amministrazione del CFDA. Ricordo che una volta a una riunione Diane von Furstenberg mi guarda e mi dice, ‘Bene, adesso parleremo del Lifetime Achievement award (il premio alla carriera NdR)’. E io le dico, ‘Credo ci siano moltissimi candidati fantastici’. E lei mi fa ‘Be’, tesoro, ce n’è uno su cui siamo tutti d’accordo’. E io: ‘E chi è’? e lei mi dice: ‘ Sei tu’. La guardo e le dico: ‘Ma no, è impossibile, sono troppo giovane’, e lei: ‘Qui si tratta del tuo lavoro, non della tua età’”. Settembre: Nicole Phelps scrive che l’azienda di Kors sta per “battere il record di vendite con un miliardo di dollari quest’anno”.

Michael Kors e Lance LePere nel giorno delle loro nozze
Michael Kors e Lance LePere nel giorno delle loro nozze
Photo: Courtesy of the photographer2011

Febbraio: “Il designer celebra 30 anni di carriera” scrive Phelps nella recensione della collezione AI 2011 di Kors. “È vero, ha iniziato da giovane, a 19 anni. Questa sera festeggia nel raffinato Bemelmans Bar al Carlyle.... Il mese prossimo sarà nientedimeno che l’ambasciatore americano in Francia a dargli il benvenuto a Parigi e celebrarlo con una cena. Kors apre una boutique su Rue Saint-Honoré, e in questo momento vengono dati i tocchi finali al flagship di Madison Avenue che viene rinnovato. In altre parole, lo stilista festeggia il suo anniversario alla grande”. Agosto: sposa il compagno di una vita, Lance LePere, vice presidente di Michael Kors Women’s Design. Dicembre: Michael Kors Holdings Limited sbarca a Wall street con una delle IPO di maggior successo della storia della moda. “Non avrei mai immaginato una cosa del genere”, ha detto in un’intervista del 2021. “È stato un po’ surreale suonare quella campanella (il rituale con cui si dà il benvenuto alle nuove società in Borsa, NdR), e rendermi conto che il mio approccio alla moda, e in realtà anche le mie idee su come le persone dovrebbero vestirsi, sarebbero esplosi per abbracciare un pubblico più vasto, in concomitanza con il lancio di Michael Michael Kors, per vedere in ogni città in cui mi trovo una borsa, un orologio, un mio paio di scarpe”.

2013

Lancia la campagna “Watch Hunger Stop”in collaborazione con il World Food Programme (WFP) delle Nazioni Unite per combattere la fame nel mondo.

Michael Kors con la modella Karmen Pedaru a Shanghai
The Michael Kors Jet Set Experience, Shanghai 2014 - Party
Michael Kors con la modella Karmen Pedaru a Shanghai
Photo: Kevin Lee / Getty Images for Michael Kors
2014

Febbraio: “Prima della sfilata di Michael Kors non si parlava d’altro: è notizia della scorsa settimana che, grazie al forte aumento del prezzo delle sue azioni, lo stilista è diventato miliardario”, scrive Vogue. Maggio: apre un flagship store a Shanghai, in Cina, e festeggia l’avvenimento con una sfilata che chiama “The Jet Set Experience”.

2015

Febbraio: Vogue scrive: “Con la sua nuova collezione autunnale Kors centra il punto e si esprime al meglio: lussuosa, e molto, ma fedele a quello spirito ottimista, intrinsecamente americano e senza fronzoli che è alla base del brand”. In seguito riceve una nomination per il CFDA Womenswear Designer of the Year Award. Giugno: God’s Love We Deliver come riconoscimento per la generosità e impegno di Kors dedica al designer il proprio quartier generale. Ottobre: Esce un articolo su Vogue. “Nessuno mi crede” dichiara, “ma in fondo al cuore sono un vero hippie. Scherzo sempre su questa cosa, siamo una vera contraddizione: ci piace mangiare caviale con le patatine mentre ascoltiamo Joni Mitchell a Capri con le infradito ai piedi, e indossando cashmere 10 fili. Le cose che amiamo sono casual, ma lussuose”.

Michael Kors Collection, spring 2017 ready-to-wear
Michael Kors Collection, spring 2017 ready-to-wear
Photo: Alessandro Garofalo / Indigital.tv
2016

L’allora Vice Presidente USA Joseph R. Biden consegna a Kors il McGovern-Dole Leadership Award del World Food Programme USA per il suo impegno a combattere la fame nel mondo.

Michael Kors Collection, spring 2018 ready-to-wear
Michael Kors Collection, spring 2018 ready-to-wear
Photo: Alessandro Garofalo / Indigital.tv
2017

“Kors è uno stilista che, quando sceglie di creare una felpa tie-dye, la fa in cashmere multifilo (con tanto di fodera in cotone), e per completare il tutto ci abbina una coperta in cashmere”, scrive Vogue.

2018

Michael Kors Holdings Limited cambia ufficialmente il nome in Capri Holdings Limited e finalizza l’acquisizione di Versace.

Barry Manilow at Michael Kors’s fall 2019 show.
Barry Manilow at Michael Kors’s fall 2019 show.
photo: Andrea Adriani / Gorunway.com
2019

Il designer si assicura i diritti del logo dello Studio 54 e lo utilizza nella sua collezione AI ispirata agli anni 70. La sfilata si conclude con una sorpresa: Barry Manilow che canta “Copacabana.” Kors saluta il pubblico alla fine, scrive Vogue, “con un’altra leggenda di quell’epoca, la modella Patti Hansen, che chiude la sfilata in tailleur pantalone metal”.

Vice President Kamala Harris in a Michael Kors Collection suit.
Vice President Kamala Harris in a Michael Kors Collection suit.
Photographed by Tyler Mitchell, Vogue, February 20212021

La Vice Presidente USA Kamala Harris veste Michael Kors Collection sulla cover digitale del numero di febbraio di Vogue. “Non ho figli, quindi le mie creazioni sono i miei bambini: è questo che mio marito e io pensiamo di quello che facciamo. Ero così raggiante e orgoglioso, ho pensato: che momento meraviglioso, meraviglioso per il Paese, per il mondo, per me stesso. Fantastico. Lo so che sembra un po’ un cliché, ma credevo davvero di sognare”.

news n°
159096
From beautynews
23 Apr 2021
Chi ama le borse capienti in stile Mary Poppins, in cui infilare di tutto e di più, dovrà fare qualche rinuncia: le borse di tendenza della primavera infatti sono piccole, anzi piccolissime. A mano, a tracolla o addirittura da portare alla cintura, la regola per le borse è solo una: piccola e coloratissima. Ecco alcune idee direttamente dalle passerelle.
news n°
100445
From gossip
19 Apr 2021
MOROCUTTI Ardell Professional

L'applicazione delle ciglia è diventata ancora più semplice!
Le ciglia AQUA LASHES si attivano con l’acqua.
Questa innovazione di ARDELL PROFESSIONAL permette infatti di applicare le ciglia finte senza utilizzare colla,
ma semplicemente immergendole nell’acqua !

Le ciglia sono rivestite di un adesivo che si attiva con l’acqua!

Applicazione in 3 semplici passaggi:

1. Adatta le ciglia finte alla forma
del tuo occhio con le forbici.

2. Immergi la banda delle ciglia
finte nell'acqua.

3. Applica le ciglia finte sulla linea
delle ciglia naturali.

Vari stili disponibili: per look naturali o super glamour!

Le ciglia hanno punte affusolate e una banda nera
che imita l'aspetto dell'eyeliner.
Nessun bisogno di adesivo.


• Tecnologia di attivazione con acqua
• Nessun adesivo necessario
• Ottimo per principianti

ciglia finte senza acqua

Disponibile in 4 stili:
55350 ARDELL-63401 AQUA LASH 340
55351 ARDELL-63402 AQUA LASH 341
55354 ARDELL-63405 AQUA LASH 344
55355 ARDELL-63406 AQUA LASH 345

Display 16 PZ
55356 ARDELL-35184 AQUA LASH DISPLAY

morocutti

MOROCUTTI Giovanni Srl-
- Distributore Esclusivo per l'Italia - 
via Cassala, 64 - 25126 Brescia | ITALY | Tel + 039 030 3750257

news n°
159104
From beautynews
23 Apr 2021
Uno degli effetti collaterali del Covid è la pandemic posture, la postura da pandemia. Dopo un anno di lavoro in smart working, tra scrivanie improvvisate e sedie non ergonomiche, mal di schiena e dolori alla cervicale stanno facendo la loro comparsa anche tra i giovanissimi. La fisioterapista Giulia Di Cioccio ha stilato un elenco di cinque consigli per prevenire problemi posturali.
news n°
159099
From beautynews
news n°
100368
From gossip
14 Apr 2021
caprice ingrosso

CAPRICE, grossista con il più vasto assortimento di prodotti e articoli per parrucchieri ed estetica di Bologna, propone una selezione di oltre 15.000 dei migliori prodotti per estetica e parrucchieri.

CAPRICE nasce come ingrosso a BOLOGNA nel 1972, vende e distribuisce prodotti tricologici e accessori per capelli, attrezzature e arredamenti professionali per PARRUCCHIERI a livello nazionale.

SCOPRI IL NUOVO SITO ON LINE

Clicca qui e guarda tutte le novità !

caprice ingrosso

CAPRICE INGROSSO
Via Abruzzo n 7/11 | 40100 Bologna
Tel. +39051542641
info@capriceingrosso.com

news n°
159100
From beautynews
23 Apr 2021
The Boots exclusive perfume is fun, flirty and the perfect post-lockdown scent.
news n°
100374
From gossip
15 Apr 2021
cosmoprof 2022 italy

Posticipata dal 10 al 14 marzo 2022 la 53a edizione di Cosmoprof Worldwide Bologna

Dal 9 al 13 settembre in programma un nuovo format per un primo rilancio dell’industria

COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA: è stata posticipata al 2022 la 53a edizione della manifestazione, evento di riferimento per l’industria cosmetica mondiale, che tornerà in presenza dal 10 al 14 marzo 2022, riproponendo gli ormai tradizionali percorsi di visita per settore merceologico e canale distributivo: dal giovedì alla domenica si inaugureranno i padiglioni dedicati alla filiera produttiva di Cosmopack e al comparto retail e profumeria di Cosmo|Perfumery and Cosmetics, mentre dal venerdì al lunedì Fiera Bologna accoglierà gli operatori professionali con Cosmo|Hair, Nail and Beauty Salon.

Dopo un’attenta valutazione, la manifestazione tornerà in presenza nelle date usuali di marzo, più adatte alle esigenze dell’industria che Cosmoprof rappresenta. Tuttavia, la necessità di riprendere le attività è molto sentita tra i player del settore, pertanto verrà organizzato eccezionalmente un nuovo evento con un format inedito, che porterà gli stakeholder a Bologna, dal 9 al 13 settembre per un primo rilancio dell’industria cosmetica.

Gianpiero Calzolari - Presidente di BolognaFiere

Il rinvio a marzo del prossimo anno della manifestazione di più alto rilievo internazionale dedicata alla cosmesi e al mondo del beauty impone al settore e ai professionisti della sua articolata filiera un ulteriore sforzo. Un tempo che non sarà di sola attesa, ma di programmazione e pianificazione di un ritorno, in sicurezza e consapevole, a pieno ritmo.

news n°
100298
From gossip
13 Apr 2021

FANOLA del Gruppo PETTENON, brand internazionale dell’haircare Made in Italy e sinonimo di colore, creatività e condivision ha creato COLOR MASK, una linea di maschere colorate che in soli due minuti ravvivano e intensificano il colore dei propri capelli, naturali o colorati che siano, nutrendo, idratando e illuminando i capelli senza appesantirli. Per chi desidera effetti crazy temporanei, partendo da capelli decolorati, è possibile ottenere effetti fashion ad alto tasso di “WOW” che durano tra gli 8 e i 10 shampoo.

Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio boom nell’acquisto di maschere colorate per capelli, il rituale di bellezza ideale per dare luce e nuova vita alla propria chioma con un servizio cosmetico che non intacca la fibra capillare. Le color mask, infatti, grazie ai pigmenti colorati che si fissano sulla superficie del capello, ne intensificano la tonalità e donano riflessi intensi e luminosi senza stressare i capelli.

Il quid pluris di COLOR MASK by FANOLA consiste nella velocità dell’applicazione e nella sua semplicità di utilizzo che permette di prolungare il tempo tra un servizio colore e l’altro dal parrucchiere.

COLOR MASK
le tonalità disponibili sono 9:
Total Black
Sensual Chocolate
Golden Aura
Copper Flow
Red Passion
Silky Purple
Pink Sugar
Ocean Blue
Clover Green.

Silicone free, anti-fading technology

Maschera nutriente e colorante per ravvivare il colore dei capelli tra un servizio e l’altro e per colorare i capelli con tonalità crazy con effetto temporaneo. COLOR MASK è dotata di una speciale tecnologia, Color Lock Technology, in grado di prolungare la durata del colore, prevenendone lo sbiadimento.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Credits:
Photo: Marco Di Filippo
Hair: team Contrasto
Color: Alessandro Fiorin - Gionathan Contino
Fanola Technical Team

news n°
100460
From gossip
21 Apr 2021

RAYWELL, marchio di Iemme srl Milano, produttore e distributore di prodotti professionali per parrucchieri, oggi vi presenta DIRECT PIGMENT COLOR GEL

DIRECT PIGMENT COLOR GEL by RAYWELL
è la nuova gamma di colorazione senza ossigeno !

raywell direct color gel

Le nuove colorazioni dirette RAYWELL senza ossigeno, si applicano direttamente sui capelli senza dover miscelare prima con altri prodotti per la colorazione.

Il Ph è acido ed è molto importante. La maggior parte dei colori ha un ph alcalino e quindi aggressivo. Qual è quindi la differenza? Un ph acido agisce come un cosmetico, quindi in superficie, ancorandosi alle squame del capello, senza aprirle e senza danneggiare il capello.

I Direct Pigment Color Gel sono a base di olio di Argan e Keratina, due elementi che, in abbinamento al ph acido, nutrono i capelli lasciandoli morbidi e soffici. Il colore rimane sul capello per circa 3 settimane (tra i 6 e 9 lavaggi, in base al capello).

Gioca e crea : tutti i colori sono miscelabili tra di loro e sono anche miscelabili con i colori tradizionali, potrai così creare colori unici e speciali. Confezione: flacone da 150 ml

Sono disponibili  17 colori

  • Caffè - Cioccolato - Rame - Nocciola - Castano
  • Rosa - Lilla - Ciclamino - Viola
  • Giallo - Verde - Blu - Nero
  • Rosso rame - Rosso ciliegia - Arancione - Biondo beige

DIRECT PIGMENT COLOR GEL ha differenti modo di utilizzo , sempre dopo aver lavato I capelli ed asciugati all’ 80%:

  1. Riflessante tono su tono – su capelli naturali o colorati, in soli 20 minuti
  2. Su capelli decolorate base 9-10 – così otterrai la migliore performance, in soli 10 minuti un colore pastello leggero, in 20 minuti un colore pastello forte
  3. Prepigmentante – applicare su capelli asciutti prima di procedere con il colore tradizionale per ottenere una super copertura al 100%

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO

L’azienda RAYWELL vanta un laboratorio di Ricerca & Sviluppo all’avanguardia, dotato di macchinari moderni ad elevata tecnologia ed efficienza. 
La scelta accurata delle materie prime e la ricchezza dei principi attivi presenti nelle formule garantiscono prodotti affidabili e di elevata qualità, sempre al passo con i tempi.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

raywell logo

RAYWELL by IEMME
Via Germania 2 | 20083, Vigano di Gaggiano (MI) | ITALY
Tel. +39 0248912912

news n°
100269
From gossip
13 Apr 2021

RETROTIC – Shogo Ideguchi

Shogo Ideguchi's latest collection imagines contemporary A.I. design given a 1950's make-over. Shogo's clean, clinical lines strong fringes and directional colours combined with pale make-up delivers a humanoid look with clothes and styling providing the warmth of 50's nostalgia.

Hair: Shogo Ideguchi
Photography: John Rawson
Make Up: Lan Grealis
Stylist: Jamie Russell
Images: FPA

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100331
From gossip
14 Apr 2021

ART HAIR STUDIO

ALPHA

Un nuovo inizio

Collezione AI 2021

Settembre 2020 - Alpha, l’hair collection FW 2020/2021 di Art Hair Studios, mette al centro il rito della bellezza nel suo costante processo di rigenerazione e desiderio di rinnovamento che parte proprio dalla donna.

Art Hair Studios, guidato dalla nuova direzione artistica di Jo Capelli e Alessandro Galetti,  ha saputo tradurre questo bisogno proponendo forme innovative di alta creatività stilistica, dando vita, tra luci e ombre, ad uno stile essenziale, rilassato, capace di esprimere la profondità di questo cambiamento.

Il colore è il segreto della nuova bellezza e la chiave vincente di questa stagione per far risplendere in modo naturale e armonioso il fascino di ogni donna. Si predilige la morbidezza che esalta la bellezza naturale valorizzata da tagli e sfumature Light&Shadow che considerano la carnagione, i tratti del viso, il colore degli occhi ed esaltano la bellezza con styling e texture sapientemente definiti.

La libertà e la bellezza del riccio si svela nella sua naturalità e perfezione scaturendo da un taglio sartoriale, presupposto per una hair-routine semplice da eseguire a mano libera. Ricci dai volumi naturali e valorizzati da prospettive tridimensionali e profondi giochi di colore, che variano da un caldo natural cookie ad un profondo castano fino ad un liquorice brown.

Un sogno di molte donne, che nella collezione Alpha diventa realtà, è il biondo su misura, con nuance che sono un modo di sentirsi intimamente femminili e glam. Declinate in infinite varianti, valorizzate da schiariture naturali, sfumature appena accennate per esaltare chiome sane e brillanti.

I tagli corti esprimono un carattere forte e optano per tonalità fredde e contrasti più decisi: sono geometrici, caratterizzati da perimetri disconnessi, lunghe frange laterali e styling lisci con dettagli scomposti.

Il rosso è reinterpretato nelle sue più attuali declinazioni e si rivela in versione morbidamente chic, che accarezza ed illumina la carnagione del volto, oppure irrompe trasformando profondamente il look in una femminilità forte e controcorrente.

Ogni proposta colore, nelle sue anime diverse, rivela un nuovo segreto di bellezza, una piccola magia per far risplendere la propria essenza, nel continuo divenire della vita.

L’uomo Alpha di Art Hair Studios riscopre l’eleganza e si orienta tra un taglio capelli asciutto di ispirazione dandy e quello wavy. Tornano i grandi classici senza ostentazione, ma con un nuovo twist e look più flessibili. Come il riccio morbido sulle lunghezze medie o lo stile gentleman con finish lucidi e wet per rendere il capello disciplinato e ordinato. Completano la collazione Alpha Men tagli cortissimi e sfumati per chi desidera sfoderare il fascino teen forever!

ART HAIR STUDIO
ART DIRECTOR: Jo Capelli e Alessandro Galetti
HAIR TEAM: Yury Rossi, Erind Bregu, Michela Bonzio, Elisa Ferrari
CLOTHES STYLIST: Angela Marcato
MUA: Prolab Academy
PHOTO: Sergio Spanu
PROJECT: Ideal Comunicazione
TREND RESEARCH: Mind Store di Anna Perghem

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100318
From gossip
14 Apr 2021

TheClub
presenta

UNENDING

Collezione FW2021

Settembre 2020 – La bellezza ha bisogno di tempo per essere ammirata, interrogata, studiata, compresa. Ma soprattutto, per rigenerare se stessa in un flusso senza fine, unending

“Unending” è il trend 2020 di TheClub, partner di Wella, attraverso cui si riscoprono scalature, graduazioni e frange. Tutto rientra in questo flusso di bellezza infinita che, con apparente semplicità e assoluta concretezza, rappresenta un lusso accessibile a tutti.

Quello che il direttore creativo, Toni Pellegrino, vuole comunicare con la collezione è l’importanza del day by day, il palcoscenico reale sul quale si muovono tutte le donne, diventando delle autentiche trendsetter. Unending è un viaggio lungo le strade, gli uffici, i party e le stazioni delle metropolitane delle capitali della moda: a New York, Londra, Milano e Parigi sfilano insieme, sulle passerelle del quotidiano, professioniste, studentesse, casalinghe e impiegate di ogni età.

“Senza sosta, senza fine. Con passione e dedizione. Il nostro impegno a servizio della bellezza non conosce battute d’arresto”- racconta Toni Pellegrino – “di sicuro non abbiamo mai contato le ore dedicate al lavoro, ma sappiamo con certezza che l’amore che proviamo per la bellezza è senza fine. Così come senza fine è la bellezza”.

Le donne a cui la collezione si ispira sono donne forti e fragili, determinate e insicure, angeli e muse che incarnano ogni sfumatura della femminilità. Attraverso le stagioni e lo spazio, l’energia e la giovinezza evolvono in una bellezza senza tempo.

I colori sostengono le forme, ora catturando la luce, riflettendola. Tonalità calde e fredde sono specchio della natura. I biondi rimandano tanto a spiagge e mietiture, quanto a scenari glaciali. I castani affondano le radici nella terra e vibrano grazie a sfumature sofisticate. I rossi sono ardenti e ricordano sabbie desertiche e spezie.

UNENDING LOOK  BY LOOK

TH E A R I S T O C R A T

Castano multitono per un taglio corto ultrafemminile.
Giochi di luci e di ombre, di pieni e di vuoti, per un effetto colore dinamico e sfaccettato.

T H E M U S E

Il bob è sempre un must have. Nella sua interpretazione back to sixties è bombato con frangia grafica, ma con morbidezza laterale e leggera scalatura.
Il biondo è splendente e veste il volto di luce, in un sofisticato equilibrio di forme e colori.

T H E E N E R G Y

Lunghi, sani e vitali, rivelazione di una chioma rigenerata e vigorosa, modellata su una scalatura tridimensionale, resa ancora più materica con un castano profondo, illuminato da alcune sfumature che richiamano le bacche di ginepro.

T H E S P A C E

Un richiamo al futuro che affonda le radici nel passato. Gli anni ’60 e un rosso “speziato” preso in prestito alla paprika. Uno style lungo e wavy, dai max volumi, che interpreta una femminilità potente. Forza e fascino si sprigionano da questo importante hair design, protagonista in assoluto di un preciso stile, che decreta l’hair power.

T H E S I L K

Sapore retrò per un raccolto strutturato e vaporoso che ricorda le acconciature di fine ‘800 e inizio ‘900. Uno styling row, su capelli che risplendono di luce propria. Un contrasto sofisticato di volumi, per illuminare anche le giornate più fredde.

T H E E M P R E S S

Un’ acconciatura che scopre il viso e valorizza le lunghezze. Le ciocche raccolte formano la corona da cui scende composta la chioma morbida e ondulata. Le perle sottolineano la regalità dell’immagine, per una eleganza senza tempo.

THE CLUB

HAIR: The Club
CREATIVE DIRECTOR: Toni Pellegrino
TECHNICAL DIRECTORS: Salvo Binetti, Eveline Pellegrino
ARTEAM: Alessio Larghetti, Leo Libardi, Antonello Lotito, Luca Morellato, Roberto Spano, Luigi Vernengo
PHOTOGRAPHER: Danilo Falà
STYLIST: Eleonora Papetti, Riccardo Rubino
MAKE-UP: Fausto Cavaleri
COPY:Stefania Pilato

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100252
From gossip
13 Apr 2021

The ‘Berlin Collection’ was conceived on the streets of Berlin, where we became fascinated not only by its people, but also, by its inspiring atmosphere and the street art which is overflowing throughout the whole city. This new collection signifies freedom for both body expression and one’s own image and aims to highlight social diversity in a world that has overcome prejudice and taboos. We created six images with different hair lengths and textures: short compact hair styles, middle sized broken strands, and lengthy degrading haircuts, using both flat and embossed textures, as a nod to Eighties style.  
A wide range of colours were used, from dark chestnut to golden copper, coral and cold yellow through to platinum blond, all of them combined with colourful shades which emphasize one’s own style (inspired by Street Art and street graffiti). Styling and makeup are meant to mirror the mixture of colour and textures found in the clothing, which was used in order to create a unique style that portrays personality.

Hair by: Marco PM Team @Marco PM Estilistas
Instagram: @marcopmestilismo
Photographer & Graphic Design: Mikel Muruzabal Studio
Instagram: @mikelmuruzabalstudio
MUA: Arturo Nuez
Instagram: @bbpro_arturonuez
Stylist: Visori Fashionart
Instagram: @visorifashionartstudio
Video: Miguel Goñi
Instagram: @miguel_goni
Models: Ivy, Iulia, Amaia, Johana, Beatriz
Production: Andoni Guillén

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100400
From gossip
16 Apr 2021

Walkirias shows an empowered and free woman who does not shy away from her strength to assert her presence.

The collection is inspired by the Valkyries, the characters from Scandinavian mythology that in the battles chose the heroes that would have to die, and in heaven, they served them as drink-pourers.

The hair features cuts break with the established and cold tones that, despite their differences, harmonize with each other. They play with different volumes, though they are always short, to get a challenging effect. The looks reflect the inner strength of a woman who knows and likes herself different.

Creative Team: XXL
Creative Team Instagram: @xxlhaircreative
Photography: David Arnal
Instagram: @davidarnalteam
Make-up: Pía Quin
Instagram: @pia___quin
Stylism: Jose Vicente Martínez
Instagram: @traysytiling
Products: L’Oreal Professionnel
Instagram: @lorealpro
Video: German De La Hoz
Instagram: @german_delahoz
Models: Alejandra Galindo
Instagram: @13manias 
Mara Barrios Instagram: @aimarabarrios
Sofía Pérez Instagram: @sop_12
Paula Garcia Instagram: @paula.garciagor

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159105
From beautynews
23 Apr 2021
Kate Middleton è maturata molto negli ultimi anni e, alla vigilia del decimo anniversario di matrimonio con William, sembra essere pronta per diventare regina consorte. È diventata una Royal a tutti gli effetti e vanta la stessa tolleranza e lo stesso pragmatismo di Elisabetta II.
news n°
159093
From beautynews
23 Apr 2021
Carys Douglas, la secondogenita di Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas, ha compiuto 18 anni e per l'occasione l'attrice le ha fatto una dolcissima dedica social. Ha rispolverato un vecchio scatto mamma-figlia, parlando senza filtri dell'amore incondizionato che prova per la sua "bambina".
news n°
100483
From gossip
23 Apr 2021
amazon londra

Il nuovo salone AMAZON di LONDRA (UK) sperimenterà nuove tecnologie, tra le quali la realtà aumentata, per dare ai clienti un’idea di come appariranno con le varie tonalità di tinture e colorazioni

amazon salon
Photo by AMAZON

Se vivete a Londra, potete andare all'AMAZON SALON, in Brushfield Street, nel quartiere di Spitalfields - East End. L’AMAZON SALON, occupa 2 piani e 140 metri quadrati in un edificio non lontano dalla City of London e a cinque minuti a piedi dal quartier generale londinese del gruppo Usa, oltre ad essere aperto 7 giorni su 7. Inizialmente riservato ai dipendenti Amazon, ora il pubblico può prenotarsi chiamando, mandando un'e-mail o visitando direttamente il negozio.

Il lancio del PARRUCCHIERE AMAZON arriva in un momento in cui i parrucchieri del Regno unito, dopo mesi di lockdown, sono oberati di lavoro, soprattutto a Londra, dove trovare un appuntamento per un colore o un taglio è un terno al lotto.

Il nuovo salone sperimenterà varie nuove tecnologie, come la realtà aumentata per dare ai clienti un’idea di come appariranno con questo o quel colore di capelli. Inoltre una nuova tecnologia consentirà ai clienti di puntare il dito su un prodotto e di ricevere informazioni relative su uno schermo, inoltre potranno "scannerizzare" un codice QR e acquistare il prodotto sul sito di Amazon.

Un altro aspetto innovativo è la raccolta dati ed il laboratorio di esperienze, che permettono di raccogliere tantissime informazioni utili ad hoc per il cliente.

Pensiamo quindi ad un futuro dove la riconcettualizzazione di business classici sarà sempre più all'ordine del giorno, nonostante l'esperienza "dal parrucchiere" sia la stessa da molti anni.

Photo Credits by Amazon Blog

news n°
159102
From beautynews
23 Apr 2021
Le cinque dame di compagnia di Elisabetta II sono con lei da una vita intera. La regina le ha scelte personalmente e con loro, in questi decenni, ha stabilito un rapporto amichevole, sempre più intimo e personale, che va oltre le mansioni pratiche relative alla gestione del guardaroba. Una di loro era presente anche al funerale del principe Filippo.
Your browser is too old for our new website. It would be best if you went to a more recent and secure browser version. Using this browser may cause security or usage problems.
X
Vendita ECommerce Prodotti per parrucchieri | ECommerce | GLOBElife | E TRENA | Tinture per capelli | Piastre per capelli | Articoli per parrucchieri | Spazzole per capelli